Buoni risultati per le degustazioni dei vini della Cantina Colline del Chianti presso il Consorzio Chianti Colli Senesi e il prestigioso The Wine Hunter Award che è ha nel Patron del Merano WineFestival e “cacciatore di vini” The WineHunter, Helmuth Köcher, il suo punto di riferimento. Lo stesso Köcher è l’ideatore di Wine&Siena insieme a Confcommercio Siena. E in questa manifestazione sarà presente anche Cantina Colline del Chianti, a Siena, dal 1 al 3 febbraio prossimi.

 

La Commissione degustatori nominata dal Consorzio Chianti Colli Senesi di fine novembre ha degustato 16 Chianti Colli Senesi Docg, di cui nove dell’annata 2018, quattro del 2017, uno dell’annata 2016, e due Riserve 2015. Complessivamente i vini sono stati giudicati tutti di elevata qualità, con ottimi risultati per le annate 2018 – annata più rappresentata e quindi più significativa – e il 2017. Ottime anche le riserve. Nella classifica generale il Chianti Colli Senesi Tufo del Gruccione 2018 di Cantina Colline del Chianti si è collocato quarto su tutti e il 2017 quinto. Nelle classifiche per annata, i vini Chianti Colli Senesi Docg di Cantina Colline del Chianti sono risultati terzi per quanto riguarda il 2018 e il primi per il 2017.

 

Buoni risultati per Tufo Del Gruccione Chianti Docg 2018 anche da The Wine Hunter il quale gli ha attribuito un voto di 88-89,99/100. Rbb1961 Chianti Classico Docg 2016 di Cantina Colline del Chianti ha preso il voto di  2016 88-89,99/100. Il Barbagianni Igt 2018 di Cantina Colline del Chianti è stato valutato 86-87,99/100 ed è risultato “Candidato Award”, stessa votazione per Lucherino  Igt 2018 con 2018 86-87,99/100. Anche lui è “Candidato Award”. La Cantina tra l’altro sarà una delle protagoniste della manifesta Wine&Siena 2020 che si terrà a Siena dal 1 al 3 febbraio.

La Cantina Colline del Chianti ha iniziato l’attività con la vendemmia del 1974. Oggi vinifica le uve prodotte dai 260 vignaioli associati, mediamente 38.000 quintali di uva. I vignaioli sono tutti piccoli produttori che curano con attenzione e dedizione le loro uve nel rispetto dell’equilibrio naturale che lega la vite ai suoi terreni.

Categorie: News

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *