Arrivano due riconoscimenti importanti per Cantina Colline del Chianti. Al 2016 Rbb1961 Chianti Classico Docg e al 2018 Tufo Del Gruccione Chianti Docg è stato assegnato il prestigioso The WineHunter Award, il premio di eccellenza ed alta qualità che arriva da Merano attribuito annualmente a prodotti vitivinicoli e culinari, ai distillati ed alle birre.

Il premio viene assegnato a prodotti nazionali ed internazionali che, a seguito di una attenta valutazione, raggiungono un punteggio minimo di 90 punti su 100 e che sono capaci di garantire al consumatore finale la qualità superiore del prodotto. Otto sono le commissioni di assaggio, guidate da The WineHunter Helmuth Köcher, ovvero il patron del Merano Wine Festival. Ogni commissione è composta da almeno tre membri, tra cui tecnici, sommelier, baristi, enotecari, giornalisti del settore ed appassionati di vino.

I vini della Cantina Colline del Chianti per il primo anno sono stati valutati dalla commissione di The WineHunter insieme alla partecipazione a Wine&Siena. E dalla valutazione sono arrivati buoni risultati. Il 2018Tufo Del Gruccione Chianti Colli Senesi Docg ha ottenuto un voto di 88-89,99/100 e il 2016 Rbb1961 Chianti Classico Docg  ha ottenuto 88-89,99/100. Questi due vini hanno avuto il riconoscimento “Award”. Ed ancora, il Barbagianni Igt 2018 di Cantina Colline del Chianti è stato valutato 86-87,99/100 ed è

risultato “Candidato Award”, stessa votazione per Lucherino  Igt 2018 con 2018 86-87,99/100. Anche lui “Candidato Award”.

“Siamo davvero orgogliosi – dice Malcolm Leanza, presidente Cantina Colline del Chianti – Per noi è un riconoscimento importante di un percorso volto al costante miglioramento delle produzioni. The WineHunter Award, infatti, significa anche fare parte durante l’arco di un anno intero delle iniziative di comunicazione e promozione sui canali di comunicazione The WineHunter”.

I pr

odotti premiati sono stati pubblicati il 16 agosto nella Guida Online The WineHunter Award 2020 su award.winehunter.it.

La Cantina Colline del Chianti vinifica le uve prodotte dai 260 vignaioli associati, mediamente 38.000 quintali di uva. I vignaioli sono tutti piccoli produttori che curano con attenzione e dedizione le loro uve nel rispetto dell’equilibrio naturale che lega la vite ai suoi terreni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *